Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy

Centro Equilibrium

Log in Register

Login to your account

Username
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name
Username
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *

Zucchero: ulteriori studi confermano la sua tossicità

  • Posted on:  Saturday, 14 September 2013 12:34
  • Written by 
Rate this item
(0 votes)

Studi recenti hanno confermato l’elevata tossicità dello zucchero. Addirittura il rischio di danni alla salute sono paragonabili a quelli causati dall’alcol, ma anche dal fumo. Già in passato erano stati condotti degli studi che avevano sottolineato la tossicità dello zucchero, i cui risultati sono stati confermati da una recente ricerca statunitense. Oltre ai danni alla salute, provoca anche dipendenza, insomma viene praticamente paragonato ad una droga.

Lo studio è stato condotto dai ricercatori dell’University of California a Los Angeles che ha scoperto come lo zucchero sia uno dei fattori principali dell’aumento del rischio di insorgenza di patologie a livello cardiovascolarediabete, ma anche tumori. Queste malattie, ricordiamo, provocano circa 35 milioni di decessi all’anno. Quindi l’allarme che molti studiosi stanno lanciando non è una presa di posizione senza giustificazione o proibizionismo, ma è altamente giustificato. Bisognerebbe aumentare la pubblicità e le notizie che sottolineano i risultati delle ricerche ed i motivi per cui è necessario “abbandonare”o ridurre l’assunzione di zucchero.

È anche vero che è difficile far cambiare idea e modificare certi stili di vita, in questo caso per quanto riguarda l’alimentazione. Soprattutto, per lo zucchero, che come accennato prima causa dipendenza, ecco perché è molto difficile rinunciare da un giorno all’altro di assumere cibi ebevande zuccherine. Oltre alla dipendenza ricordiamo che le calorie assunte con lo zucchero vengono chiamate “vuote”, ossia una quantità elevata che però non ha nessuna importanza nutrizionale, con pochissimi vantaggi per la salute.

fonte: tantasalute.it

 

Read 2335 times Last modified on Saturday, 14 September 2013 13:04

Leave a comment

You are here: Home