Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy

Centro Equilibrium

Log in Register

Login to your account

Username
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name
Username
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *

Fondamenti di Medicina Naturale

  • Posted on:  Monday, 29 July 2013 15:27
  • Written by 
Rate this item
(0 votes)

 

Già Ippocrate, uno dei padri della Medicina, nel IV sec, prima dell'era volgare, affermava che la Natura guarisce mentre il medico semplicemente cura e nel farlo deve aiutare la Natura stessa, non contrastarla; Cicerone nella Roma del I sec. prima dell'era volgare, ammoniva che nessuna arte può imitare l'ingegnosità della Natura e Galeno, nel II sec. dell'era volgare, sottolineava in particolare la grande importanza dell'esercizio fisico in Medicina. Dagli stessi principi, sia pure con presupposti filosofici diversi, sono ispirate le tecniche degli yogi indiani (Colui che segue e pratica il cammino dello Yoga è chiamato yogi o yogin (le donne sono dette yogini), dei buddisti zen giapponesi e dei sufi musulmani. Ben note sono infatti da sempre le possibilità di migliorare le capacità di riordino naturale con particolari tecniche non invasive, per mezzo dell'opportuna conoscenza di esse.

Come ha scritto e ci ricorda il filosofo Umberto Galimberti, prima di Ippocrate chi erano i medici se non i sacerdoti ? Ma se è vero che la scienza poi si e’ distaccata dalla religione, non e’ detto che questo avvenga nella mente dei pazienti. Il malato investe il terapeuta ed il medico di una dimensione sacrale. Quando è sul letto soffrente o morente gli chiede ancora di salvarlo. Eppure è indispensabile un cambiamento nella cultura dei medici e della sanita’ mondiale, per recuperare paradossalmente, il suo spirito originario. Duemila anni fa il medico si occupava dell´insieme della persona. Oggi, e negli anni a venire, non potrà che ritornare ad essere così. La storia della scienza e' costellata di errori, illusioni, imbrogli, verita' in anticipo ed anticipi di verita'; gli scienziati sono esseri umani che hanno sbagliato, barato e si sono illusi, hanno sacrificato la verita' a ideologie ed a interessi personali, ma a volte hanno anche pagato di persona, si sono sacrificati per testimoniare le loro idee contro la violenza della societa' “normale” e contro la prepotenza dei “signori della verita'”; alcuni hanno perso la vita, altri sono finiti in manicomio, molti piu' semplicemente sono stati estromessi dalle “accademie”, oppure sono stati immersi nella “congiura del silenzio”; la maggioranza comunque si e' asservita ai potenti. Altri, pochi, sono riusciti a scoprire e carpire i segreti della natura e quindi a fornire informazioni e dati per il beneficio dell’Umanita' intera. Il cammino della ConoScienza puo' aver avuto quindi, momenti progressivi e momenti regressivi, flussi, riflussi, ristagni, luci ed ombre, ma neppure la terribile intolleranza che spesso ha avuto origine all’interno della comunita' scientifica non e' mai riuscita ad arrestarne la crescita; e' sempre stato lo scienziato “normale”, perché male istruito, vittima dell’indottrinamento e imbevuto di spirito dogmatico, l’inossidabile assertore del “ragionamento sperimentale”, il fanatico adoratore dei fatti (ignaro che la scienza ha a che fare con i dati), l’amante dei rigidi schemi esplicativi (che vorrebbe costringere l’intenzionalita' dell’agire umano entro un rigido determinismo), l’avido collezionista di certezze e il pavido posseduto dal panico dell’errore ed infine il “prostituto della Coscienza”, colui che per denaro, lavoro certo, potere, vende la sua etica, la sua coscienza, ai suoi “clienti” od al miglior offerente. Dinanzi alle difficolta' della comprensione (che non e' il limite delle cose, ma che e' un limite propriamente dell’intelletto umano mediocre) anche tra gli scienziati, c’e' chi abbandona deluso la ricerca, chi guarda con scetticismo il coraggioso tentativo d’altri e chi ancora sceglie di escludere dall’ambito scientifico il problema; il 90% delle scoperte reali sono avvenute “per caso” e non perché si ricercava cio' che si e' trovato ! Anche per la “medicina ufficiale” che non e' una scienza esatta, si e' “lavorato” in questo modo. La medicina occidentale (detta allopatica) con un approccio riduzionista isola le parti malate e cura il sintomo (non la vera ed unica malattia dei viventi) con farmaci contenenti principi attivi sintetici (cioe’ tossici), mentre l'approccio con le medicine tradizionali e' olistico, la diagnosi e' totale e grande attenzione e' riservata all'ambiente (corporeo ed esterno), all'alimentazione ed all'utilizzo di rimedi-farmaci NON di sintesi chimica. La Medicina Naturale invece, tende a rimuovere il sintomo eliminandone le cause prime, con varie terapie basate su tecniche appropriate, le sole che si basano sulla concezione della salute come lo stato di ordine, e cura ogni disordine patologico con medicine di tre categorie (vegetale, animale, minerale) per determinare l’ordine e l’equilibrio con il temperamento individuale. La cura della propria guarigione consiste fondamentalmente in una trasmutazione-trasformazione psico/mentale raggiunta con l’opportuna informazione fornita dalle Leggi della Medicina Naturale. Essa e' quindi tutta impostata per ottenere e mantenere il massimo Benessere Psico - fisico . L'igiene ambientale, corporale, alimentare e l'acqua pura da bere, il pensare ed agire con Giustizia, Verita' ed Amore anche per la Natura ed i suoi abitanti, sono la Base per la Perfetta Salute Uno dei principi fondamentali della Medicina Naturale e' questo: "Cio' che NON si Esprime si Imprime" ....sull'organismo ! La Medicina Naturale insegna anche che l'unica forma terapeutica naturale per l'Autoguarigione, e' il Crudismo, l'utilizzo delle terapie naturali ed il rispetto delle Leggi della Natura per se stessi e per l'ambiente ! Continua e seguito su: Fisica dell'Intenzione, un nuovo modo di fare Medicina

Video sul Confronto fra medicina allopatica - Medicina Naturale e alimentazione(dal film La crisi )

 

Fonte: Mednat.org

 

Read 3342 times Last modified on Monday, 12 August 2013 14:48

Media

Leave a comment

You are here: Home