Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy

Centro Equilibrium

Log in Register

Login to your account

Username
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name
Username
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *

Mezz’ora di meditazione e se ne vanno ansia e depressione

  • Posted on:  Friday, 24 January 2014 13:28
  • Written by 
Rate this item
(0 votes)

Ansia e depressione si riducono con meno trenta al minuti al giorno di meditazione: ancora conferme di efficacia della pratica meditativa in chiave moderna, nota come Mindfulness.

Sarà un po’ per la vita frenetica, per il momento di crisi che sta prendendo possesso di ogni mestiere e posizione sociale o forse per il costante desiderio di essere o avere cose che in realtà non abbiamo, ma è bene dire chel’ansia si sta diffondendo a macchia d’olio. Certo, si può sempre ricorrere ai farmaci per ottenere un effetto rapido e immediato sui sintomi però, a lungo andare, dovremo poi fare i conti con tutti gli effetti collaterali che questa abitudine porta con sé.

Esiste invece un metodo privo di conseguenze negative che è stato collaudato da tempo, anzi, da millenni: la meditazione.
Il dottor Madhav Goyal, professore presso la Divisione di Medicina Interna Generale della Facoltà di Medicina della Johns Hopkins University, ha potuto confermare attraverso i suoi studi che la meditazione offre sollievo all’ansia e i sintomi legati alla depressionealla stregua dei più tradizionali antidepressivi.
Durante la ricerca è stato valutato l’evolversi positivamente dei sintomi legati a queste problematiche, tra cui anche insonnia e fibromialgia e, in misura minore, anche vere e proprie malattie mentali.

Il team di ricerca ha esaminato, in particolare, gli effetti della “meditazione di consapevolezza”, o Mindfulness, una forma di meditazione molto semplice che si basa sulla concentrazione sul respiro e sulla consapevolezza dei propri pensieri.
Si inizia concentrandosi sul proprio respiro, dopo di che, quando mente  e corpo cominciano a divagare, si focalizza per un po’ l’attenzione e si tenta di dare un nome al proprio pensiero, alla propria emozione, tentando di riconoscerla. Infine, si ritorna al respiro. E si continua così per diverso tempo fino a che la persona, con il tempo, non impara a mantenere costantemente l’attenzione sul respiro. Tutto ciò sembra essere molto utile anche per alleviare dolore e stress.

Per arrivare a determinate conclusioni sono stati revisionati 47 studi clinici condotti nel 2013 che coinvolgevano oltre 3.500 volontari affetti da depressione, stress, ansia, insonnia, malattie cardiache, dolori cronici e cancro.
Dai risultati è emerso che i partecipanti avevano mostrato miglioramenti in particolare in caso di ansia, depressione e dolori cronici in seguito a un programma di otto settimane basato su mezz’ora al giorno di meditazione Mindfulness.
Lo studio, pubblicato su Jama Internal Medicine, mette ancora una volta in evidenza come le pratiche antiche, in questo caso le più semplici, siano quelle da cui si possono trarre ottimi benefici.

 

Fonte: lastampa.it

Read 2203 times Last modified on Friday, 24 January 2014 13:35

Leave a comment

You are here: Home